Le frontiere del linguaggio in Paul van Buren

Teologia e semantica dell’azione nell’età secolare
Fiammetta Ricci

Anno di pubblicazione: 2016
Formato: 176 p., b/n
Collana: ingegni
ISBN: 9788899443252

10,00

Tutti i prezzi includono l'IVA

Quantità

Come può la parola Dio vacillare e cadere al di là dei limiti del senso e del non senso, restando comunque pietra di inciampo e invocazione anche per chi si fa contro l’altro uomo? La “morte di Dio” come cifra dell’età secolare è davvero anche la morte dell’uomo, e di quale uomo? L’analisi degli enunciati religiosi a quali giochi linguistici ci invita partecipare? Su quali forme di vita, e su quali possibilità di comunicazione o di inattingibilità del pensiero ci porta a riflettere? Interrogativi centrali nelle opere del teologo americano Paul van Buren, una delle più emblematiche espressioni teologiche del XX secolo, tesa ad applicare la filosofia del secondo Wittgenstein e tutta la filosofia analitica anglosassone all’idea di un nuovo approccio ermeneutico al linguaggio religioso, fino a trovare, oltre le frontiere del linguaggio, l’apofantica dell’invocazione, che ci ricorda che ogni parola custodisce ed alimenta una poetica mediatrice tra la luce e l’oscurità, tra il rumore e il silenzio, che tenta di insinuarsi nelle più profonde caverne delle viscere umane, laddove è rinchiuso e risuona il mistero dell’origine.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le frontiere del linguaggio in Paul van Buren”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenti